L’affascinante storia degli indici di Borsa

Pubblicato il: 21/06/24 4:32 AM

Qualcuno doveva pensarli.

In un tempo non così lontano, investire nei mercati finanziari era un dominio esclusivo dei più intrepidi ed esperti.

Gli investitori si stavano avventurando in un mare di singoli titoli, ciascuno con la propria storia, il proprio rischio e il proprio potenziale di rendimento.

Tuttavia, questo panorama finanziario cominciò a cambiare radicalmente con l’introduzione di un concetto rivoluzionario: gli indici azionari.

Proprio quelli a cui siamo abituati e che a noi sembrano, oggi, scontati.

Immagina un mercato tumultuoso e frammentato, in cui gli investitori cercano segnali in un mare di dati disordinati.

Ciascun titolo viene valutato isolatamente, con decisioni basate su un’analisi dettagliata dei rapporti finanziari e delle aspettative del mercato. Questo approccio, pur valido, presentava i suoi limiti.

Gli investitori avevano bisogno di un modo per misurare e confrontare la performance delle azioni in modo più ampio ed efficiente.

In questo contesto si pone la figura di Charles Dow, un visionario che, alla fine del XIX secolo, concepì l’idea di un indice che raggruppasse le azioni delle principali società industriali degli Stati Uniti.

Nacque così il Dow Jones Industrial Average (DJIA), il primo indice azionario della storia, inizialmente composto da 12 aziende leader.

Questo indice, oltre ad essere uno specchio dell’andamento del settore industriale, diventava un faro per gli investitori, offrendo una visione panoramica del mercato, prima impensabile.

Nel corso del tempo, gli indici azionari si sono moltiplicati e diversificati, adattandosi a diversi settori economici e regioni del mondo.

L’indice S&P 500 è diventato il benchmark per eccellenza del mercato statunitense, coprendo ora 500 tra le principali società del paese.

In Europa, il FTSE 100 di Londra e il DAX tedesco sono emersi come pilastri del mercato finanziario europeo, mentre in Asia, il Nikkei 225 in Giappone e lo Shanghai Composite in Cina catturano l’attenzione degli investitori globali.

L’impatto degli indici azionari non si limita a fornire una misura della performance del mercato.

Hanno trasformato il modo in cui le attività finanziarie vengono investite e gestite.

Prima della sua introduzione, gli investitori dovevano affrontare la sfida di selezionare e monitorare individualmente ciascun titolo nel proprio portafoglio. Ciò ha richiesto tempo e impegno considerevoli, nonché un livello di competenza che non tutti possedevano.

Con l’avvento degli indici azionari, gli investitori possono ora esporsi su un ampio spettro di mercato con un’unica transazione.

I fondi di investimento indicizzati sono emersi come veicoli che replicano la performance di un indice specifico, consentendo agli investitori di diversificare il proprio rischio in modo efficiente e di accedere a mercati precedentemente inaccessibili.

Anche il trading ha conosciuto una significativa evoluzione.

Prima degli indici azionari, i singoli investitori avevano una capacità limitata di identificare le opportunità di investimento. Le informazioni disponibili erano sparse e il confronto tra le azioni era complicato.

Gli indici hanno cambiato questa situazione fornendo un punto di riferimento chiaro e oggettivo.

Gli investitori possono ora valutare rapidamente la performance relativa di un titolo rispetto al mercato nel suo complesso, utilizzando l’indice come standard di confronto.

Questo cambiamento non solo ha migliorato la trasparenza del mercato, ma ha anche democratizzato l’accesso alle informazioni finanziarie.

I media riferiscono regolarmente sui movimenti degli indici azionari, trasformandoli in barometri della salute economica e simboli della fiducia del mercato. Gli alti e bassi del Dow Jones o dell’S&P 500 sono diventati notizia da prima pagina, catturando l’attenzione sia degli investitori che dei cittadini.

Oltre al loro impatto sugli investimenti e sulla trasparenza del mercato, gli indici azionari hanno influenzato anche la politica economica e monetaria.

Le banche centrali e i politici utilizzano la performance degli indici come indicatori chiave per valutare la stabilità economica e prendere decisioni sui tassi di interesse e sulle misure di stimolo.

Nel mondo di oggi, gli indici azionari continuano a svolgere un ruolo cruciale nell’economia globale.

Si sono evoluti da semplici misure di performance a strumenti sofisticati utilizzati in strategie di investimento avanzate, come la gestione del portafoglio basata su modelli quantitativi.

Gli investitori possono ora negoziare derivati ​​finanziari legati agli indici, sfruttando la volatilità del mercato e gestendo il rischio in modo più efficace.

Il Dow Jones ha avuto un comportamento divergente, nel mese di giugno corrente, rispetto all’S&P500 e al Nasdaq. Tale comportamento divergente, peraltro, si verifica molto spesso, statisticamente, in questo periodo.


La genialità di Charles Dow consente oggi, a noi, di fare valutazioni di sintesi di questo tipo. Di analizzare i mercati con precisi punti di riferimento.

Sul nostro canale webinar, trovi molti esempi brillanti di analisi tattiche e strategie operative vincenti: un vero e proprio percorso di quello che devi fare per esaminare il mercato e attuare le decisioni conseguenti.

Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Sarebbe difficile pensare alle Borse senza gli indici azionari: sono il catalizzatore del mondo del trading e dell’investment. Sembrano così scontati, ma qualcuno doveva pensarli, quando ancora non esistevano.

Dietro ogni nuovo obiettivo raggiunto c’è uno sforzo di genialità e impegno.

Condividi con noi 90 minuti di grande Cultura Finanziaria di altissimo livello, clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Maurizio Monti

Editore

Istituto Svizzero della Borsa