Apple: l’esempio di come va il mercato

Pubblicato il: 17/12/21 11:41 PM

13 punti di incertezza

È passata una settimana molto complicata per i mercati.

Da circa una settimana, ma è solo un esempio, il nostro sistema su Beautiful Options ci mette in allerta per porre la nostra attenzione sul titolo Apple.

Lunedì 13 dicembre, Apple ha toccato il massimo storico a 182.13 per ritrarsi fino a 175.53: il livello era critico, come supporto perché andava a ritracciare buona parte della barra rialzista precedente di venerdì 10 dicembre.

Il giorno dopo Apple continuava la discesa, rompendo in apparenza il supporto del minimo del 10 dicembre, ma rimanendo in un range di assoluta incertezza, dopo avere spazzolato in un range di qualche punto per poi chiudere a 174.33, poco più di un punto sotto la chiusura precedente.

Il 15 dicembre, mercoledì, giorno tipico delle inversioni dal punto di vista statistico, Apple tornava al rialzo, con la sensazione di voler esplorare la zona dei massimi, ma chiudendo sotto 180, a 179.13.

Il giorno 16, apertura positiva, tentativo di esplorare ancora i massimi, fino a 181.14 e poi …. Ancora giù fino a 170.75 e chiusura appena sopra.

Venerdì, minimo sotto 170 e chiusura positiva sopra 171.

Ciò che ho appena rappresentato sul titolo Apple è quanto avvenuto sui listini americani, con alcune divergenze temporali fra i tre principali, che al momento non approfondiamo.

Il nostro analista Pierluigi Gerbino, che fornisce ogni giorno all’Instituto Espanol de la Bolsa i suoi commenti, aveva pubblicato proprio ieri mattina una valutazione che mi è parsa illuminante e che riporto integralmente:

“Questo braccio di ferro con continui colpi di scena tra voglia e paura di volare sta mettendo a dura prova le coronarie degli operatori e rende molto complicata e ricca di stop loss l’operatività multiday di breve periodo.

E’ anche difficile da spiegare, come lo sarebbe un comportamento umano che passa facilmente e rapidamente dalla depressione all’euforia e viceversa.

In soldoni la questione che complica la mappa direzionale è il momento della stretta. Ieri (l’altro ieri per chi legge) abbiamo visto il penoso tentativo di Lagarde di convincere che l’inflazione se ne andrà presto e non ci sarà bisogno di alzare i tassi, ora a zero, per tutto il prossimo anno.

I mercati sono sballottati tra la voglia di credere alle banche centrali e dimenticare ogni preoccupazione, e la paura che i guidatori dei principali autobus monetari non conoscano la strada e portino le economie verso la stagflazione ed i mercati a sbattere, gonfiando una bolla destinata a scoppiare quando dovranno prendere atto che l’inflazione non se ne va per niente.”

Già. Se sarà stagflazione, concetto che in molti oggi non ricordano (o nemmeno ne conoscono l’esistenza), non sarà facile gestirla, neanche per le borse.

Il Fear & Greed Index di CNN oggi segna 27, paura, al limite dei 25 dove comincia l’estrema paura. Il pattern grafico di Apple è rialzista con volumi in aumento. Ci mettiamo rialzisti? Probabilmente sì, il problema è: per quante ore?

In un imperdibile webinar in multi-edizione, spieghiamo come superare il momento di incertezza con un metodo algoritmico di provata efficacia: Quasar è operativo dal 2019 e oggi viene arricchito di una straordinaria ulteriore strategia. È una grande novità e non vediamo l’ora di mostrartela: clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Una parte del tuo trading, passalo in algoritmico con Quasar. Ti permette la naturale diversificazione rispetto alla tua attività quotidiana di trading: e in questi momenti di mercato più difficili, l’algoritmo vince.

Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Ora c’è www.segnalidiborsa.com , la tua WebinarTV 24 ore, 365 giorni l’anno. È gratis, c’è sempre, quando tu lo vuoi e ti informa con un canale telegram di ogni nostro webinar che viene annunciato o pubblicato.

Hai quattro webinar contemporanei costantemente in onda, puoi scegliere i webinar in archivio per argomento, o ascoltare i nostri interventi dove siamo ospiti di altri.

Iscriviti al canale, sarai sempre sintonizzato con noi:

è un portale dell’Istituto Svizzero della borsa

Maurizio Monti

Editore

Istituto Svizzero della Borsa