Il Covid-19 si diffonde attraverso l’aria

Si sbaglia lui o sbagliamo noi?

239 scienziati hanno firmato una lettera inviata all’Organizzazione Mondiale della Sanità, sostenendo che il virus Covid-19 può diffondersi nell’aria.

Secondo i loro studi, beyond any reasonable doubt, al di là di ogni ragionevole dubbio, il virus resisterebbe sospeso nell’aria in micro-goccioline esalate durante il respiro umano, o tossendo o semplicemente parlando. E quindi, all’interno di ambienti chiusi il rischio di infezione sarebbe molto più alto.

L’OMS ha sempre sostenuto che la possibilità di trasmissione attraverso l’aria fosse limitata solo a rischi specifici dovuti ad alcune procedure medicali, quando i pazienti sono sottoposti a macchine che ne stimolano la respirazione. E che quindi la trasmissione per via aerea era da escludersi, in condizioni normali.

Non sono qui a significare se hanno ragione i 239 scienziati o l’OMS. In realtà siamo assolutamente assuefatti a sentire il tutto e il contrario di tutto. Scienziati che smentiscono altri scienziati, caratteristiche che prima attribuivamo solo ai politici, ora le ritroviamo negli uomini di scienza.

Nel frattempo i mercati, sospinti da iniezioni di liquidità poderose, continuano a salire, assolutamente noncuranti del disastro economico che attanaglia il mondo. Delle diatribe fra scienziati, delle contraddizioni della politica, addirittura dell’andamento economico oggettivo, ai mercati sembra non interessare nulla. Anzi, non sembra, non interessa proprio nulla.

Andrà avanti così. Nell’incertezza totale di tutto, i mercati salgono. Ovvero nella condizione che ai mercati ha sempre fatto paura: appunto l’incertezza.

Andrà tutto bene? Mi permetti di avere qualche dubbio nel medio termine almeno? Siamo di fronte ad un evento epocale dove sembra ragionevole dire che le certezze sono lontane e di là da venire. Dove gli scienziati presentano risultati di sperimentazioni che dimostrano che siamo lontani dal capire il nemico. E quando non si conosce il nemico è impossibile vincerlo.

Siamo tranquilli. Non andrà tutto bene, proprio no. Nel frattempo, dobbiamo adeguarci al cinismo dei mercati e prenderne atto. Il denaro gratis è una droga che tutto cancella e tutto fa dimenticare.

Ne I Martedì della Borsa del 7 luglio, scorso, abbiamo analizato tante situazioni di mercato e abbiamo colto le opportunità migliori sui titoli di Borsa Italiana. Insieme con Giorgio Pallini, per condividere il metodo Scelta Vincente e soprattutto le soddisfazioni che ci sta dando la sua equity line in salita perfetta da due anni. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Warren Buffett è tornato a fare shopping. Dai suoi 137 miliardi di cassa, ha tirato fuori una decina di miliardi per acquisire Dominion Energy: azienda leader, pensa un po’ di cosa, del Natural Gas.
Questo avviene dopo che il grande Buffett non ha investito nulla nella recente salita dei mercati e dopo avere subito perdite rilevanti nella discesa di febbraio e marzo. Sembrano decisioni senza senso. Ma un senso io credo debbano averlo. Mi piacerebbe capirlo, a te no?
Io credo che, di fondo, abbiamo un modello mentale diverso e insufficiente ad entrare nella logica di chi ci ha dimostrato di saper fare sul serio. O magari, per una volta, si sbaglia o si è sbagliato il grande Buffett. Magari ne abbiamo discusso nel webinar. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Maurizio Monti
Editore
Traders’ Magazine Italia