Fa più danni Powell o Omicron?

Pubblicato il: 2/12/21 12:19 AM

Opzioni e trading sugli indici

I danni di Powell

L’audizione al Senato di Powell, l’altro ieri, è stata l’occasione per il mercato americano per toccare il punto di resistenza più alto possibile per vendere meglio.

Powell ha affermato che:

1) È opportuno considerare di porre fine al tapering degli acquisti di asset con qualche mese di anticipo rispetto a quanto originariamente previsto;

2) È tempo di non considerare più la parola “transitoria” quando si parla di inflazione;

3) Di recente l’inflazione si è diffusa in modo considerevole nell’economia;

4) È aumentato il rischio di un’inflazione più elevata e persistente;

5) Dati recenti suggeriscono che l’economia è molto forte;

e dulcis in fundo 

6) La Fed utilizzerà gli strumenti a sua disposizione per impedire che l’inflazione elevata si consolidi nell’economia.

Powell sembra avere avuto una crisi di nervi. Da colomba in falco in pochi minuti.

Dopo essere stato rieletto ed avere consumato molte paia di scarpe dando calci al barattolo, per posporre il problema di come uscire da una politica monetaria espansiva, ora deve fare i conti con i prossimi anni.

Vedendolo, nelle ultime conferenze, avevo manifestato il pensiero che non vedesse l’ora di togliersi di torno e lasciare la patata bollente al successore. Poi, deve avere accolto la notizia della sua conferma di mandato con un mix di orgoglio e di dispetto.

Di lì la crisi di nervi. E i mercati l’hanno sentito con una giravolta. Necessaria, ma improvvisa.

I danni di Omicron

Nella giornata di mercoledì, è arrivata la notizia che Omicron è sbarcato in California.

È un paziente americano, tornato da un viaggio in Sudafrica il 22 novembre, che ha accusato i primi sintomi tre giorni dopo, è vaccinato con due dosi, ha sintomi lievi e sembra stare già meglio ed è tornato a casa sua a San Francisco.

In conferenza stampa, il dottor Charles Chiu del laboratorio della Università della California, ha comunicato ufficialmente che detto paziente è affetto dalla variante Omicron del Covid-19. Il sequenziamento del genoma era avvenuto nella giornata di martedì ed era stato completato alle ore 20, ora della California. La conferenza stampa è stata fatta a metà giornata di mercoledì, sempre ora della California … diffondendo il panico sui mercati americani che hanno trovato un ottimo motivo per un sell off rapido e violento in conclusione di seduta.

L’ineffabile virus Covid-19, vestito della sua variante Omicron, annunciato 16 giorni fa dagli scienziati sudafricani, ha avuto tutto il tempo per diffondersi nel mondo, prima che l’Organizzazione Mondiale della Sanità, dopo 14 giorni facesse la “riunione d’emergenza”. Non è una critica, a nessuno, è solo raccontare i fatti.

Insomma i mercati hanno reagito male all’incertezza, che è la cosa che fa loro più male. I livelli raggiunti sono quelli che avevamo peraltro individuato nel nostro articolo “Dove va l’S&P500”, pubblicato sull’Ultima ora del sito di Traders’ Magazine.

Siamo a 4500, circa dell’S&P500. Sotto c’è 4465 e poi 4440, un numero che i lettori forse ricordano perché era il livello da noi previsto il 24 febbraio 2021 come target dell’S&P500: ora lo vediamo dall’alto.

Forse siamo non molto lontani dal minimo per ripartire. L’area temporale del minimo è per noi prevista fra il 3 e il 10 dicembre, poi speriamo in un rally natalizio. Successivamente, non vediamo per niente bene il periodo post-natalizio, ma di quello avremo modo di parlare più avanti.

Per difenderci dagli impressionanti saliscendi degli ultimi giorni, che certamente lasciano sbigottiti per la forza improvvisa che manifestano e la loro difficile prevedibilità, possiamo solo orientarci a seguire sistemi di trading basati su metodi rigorosi.

In un imperdibile webinar di grande Cultura finanziaria di altissimo livello, ti mostriamo un sistema per utilizzare le opzioni nel modo più tradizionale per fare trading di successo sugli indici.

Un sistema collaudato seleziona gli indici su cui operare, ne individua gli ETF, e sceglie le opzioni sulle quali operare, calcolando punto di ingresso, stop loss e target profit.

Sto parlando di Pioneer e puoi vederne caratteristiche e performance cliccando per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: La disciplina delle regole di un sistema di trading, anche quando affronta fasi molto complicate di mercato come questa. Non è una formula magica, è solo ciò che va fatto, ancor di più quando il mercato diventa difficile.

Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Ora c’è www.segnalidiborsa.com , la tua WebinarTV 24 ore, 365 giorni l’anno. È gratis, c’è sempre, quando tu lo vuoi e ti informa con un canale telegram di ogni nostro webinar che viene annunciato o pubblicato. Iscriviti al canale, sarai sempre sintonizzato con noi:

è un portale dell’Istituto Svizzero della borsa

Maurizio Monti

Editore

La Mela Deliziosa