Mercati in agosto: turbolenza in arrivo?

La mappa dei mercati

Siamo nei pressi di punti molto importanti dei mercati.

Come pubblichiamo ormai da diverse settimane, dopo il punto di inversione del 16 luglio più o meno quattro giorni, dove i mercati azionari hanno tentato un ripiegamento, rivelatosi molto debole e prontamente sostenuto dalla forte tendenza rialzista, stiamo andando verso un periodo potenzialmente molto perturbato dei mercati.

Il 14-17 agosto più o meno quattro giorni è previsto come punto di inversione. Ma, soprattutto, i nostri calcolo dicono che la perturbazione, quindi swing potenziali molto forti, continueranno almeno fino all’8 settembre, o addirittura fino al 17 settembre. E la stessa tendenza si ripresenterà in ottobre.

Vediamo in analisi: la settimana sui mercati americani si è chiusa con una divergenza sui tre indici americani Nasdaq, Dow e S&P500. Il primo ha ritracciato completamente o quasi la candela del giorno precedente: la resistenza prossima di breve è calcolata a 11.550 in caso di prosieguo del rialzo, con una resistenza intermedia ancora più vicina, a 11.345. Il supporto di breve è da individuare sul livello di rottura della congestione precedente, creata proprio a cavallo del punto di inversione, e quindi nell’area dei 10.900 punti.

L’S&P500 è nella parte alta finale dell’ultima resistenza prima del massimo storico, pronto ad eguagliarlo o forse a superarlo, in caso del prosieguo del rialzo. Il Dow è l’indice rimasto più indietro, ancora sotto i livelli dell’8 e 9 giugno.

Eurodollaro e dollaro franco sono simmetrici nelle loro posizioni rispettive di triplo massimo e triplo minimo. Mentre l’oro, per la prima volta dal 30 luglio, disegna una candela la cui chiusura abbatte al ribasso quella del giorno precedente (per l’esattezza, di due giorni precedenti).

Sull’oro osserviamo una interessante divergenza con l’argento che ha un preciso riscontro statistico: l’argento ha superato nelle ultime due settimane l’oro in performance rialzista. Questo avviene soprattutto nei fine ciclo: e starebbe quindi ad indicare che i previsti punti di inversione coinvolgerebbero anche l’oro.

L’indicatore di panic selling utilizzato dal nostro algoritmo ha avuto un incremento significativo per tutti i giorni della settimana scorsa; l’indicatore prende in considerazione nei livelli intraday i livelli di resistenza che sono stati aggrediti in modo reiterato, mettendoli in relazione fra i diversi mercati, insieme con altri indicatori di volume e volatilità. Il suo incremento potrebbe essere una conferma di un andamento perturbato dei mercati nelle prossime settimane.

La nostra previsione è che ci saranno ottime occasioni di ingresso sui mercati nei prossimi giorni.

Lunedì 10 agosto scorso per i webinar di Raccomandazioni di Borsa e la serie La Foresta di Sherwood, sotto un cielo carico di stelle cadenti che abbiamo visto dopo il webinar, abbiamo esaminato a fondo i mercati delle valute e dei cfd insieme con Fabrizio Mastroforti, per cogliere le migliori opportunità: un’ora di Cultura finanziaria da condividere insieme, in questa estate speciale del 2020. Iscriviti e vedi la registrazione.

P.S.: Punti di inversione in tempi di inondazione di liquidità: la matematica, la statistica, la scienza, l’econo-fisica ci aiutano a calcolare che cosa avverrebbe se il mercato non fosse determinato dalla casualità del comportamento umano. 

Grazie al cielo, i computer ragionano da computer. La magnitudine dei movimenti conseguenti ai punti di inversione sono condizionati da fattori sottoposti a distorsioni naturali. Ma l’individuazione dei punti ci permette di avere una mappa del mercato: e questo ci consente di avere previsioni sempre più accurate e statisticamente solide per l’avvenire. Non si fa trading né si investe sulle previsioni, ma sul metodo. La mappa serve ad avere un’idea del percorso dei mercati, una loro lettura ed interpretazione più autentica. Quando hai una mappa puoi accorgerti di avere sbagliato il percorso. Senza, non lo saprai mai. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione, disegna insieme con noi la mappa dei mercati delle prossime settimane.

Maurizio Monti
Editore
Istituto Svizzero della Borsa