Mercati sempre più in preda a crisi di nervi

Pubblicato il: 15/12/21 4:25 PM

Non è vero, ma ci credo

Le 5 giornate di Milano furono un evento eroico di resistenza all’invasore.

Un grande protagonista di quell’epoca storica fu Felice De Vecchi, considerato oggi un eroe del Risorgimento italiano.

A un’ora da Milano, c’è la sua villa, costruita in architettura eclettica a metà dell’800.

Per ragioni difficili da comprendere, sulla villa sono state sviluppare storie incredibili.

Felice De Vecchi, secondo una delle leggende costruite intorno alla villa, tornando a casa avrebbe trovato la moglie e la figlia assassinate. Ovviamente, le due anime starebbero ancora vagando all’interno della villa.

Alla morte di De Vecchi, nella villa si sarebbero sviluppati dei fenomeni paranormali, che avrebbero indotto alcuni ad effettuarvi riti satanici.

Non mancano coloro che sostengono che dalla villa, ogni notte, si senta suonare un pianoforte … e che fra le anime disperse che vagano fra le mura non può mancare anche un’amante di De Vecchi, pronta a spaventare con la sua presenza gli eventuali visitatori.

Ovviamente, all’amante, per di più femmina, è stato assegnato il ruolo più capriccioso.

Il figlio dell’ultimo custode della villa assicura che non c’è nulla di vero in tutto questo e che De Vecchi e la moglie siano morti a distanza di poco tempo l’uno dall’altra in modo naturale e senza traumi.

La ragione per cui la villa sembra avere attratto tante fantasie sarebbe da far risalire alla sua forma particolare, essendo stata costruita in stile eclettico, oltreché allo stato di abbandono in cui si trova.

Difficile dire come nascano le leggende e come alle volte le fantasie corrono da una persona all’altra contribuendo a farle crescere.

La leggenda di cui sopra risale agli anni quaranta del secolo scorso e si è perpetuata fino a noi.

Quindi, in un’epoca in cui i mezzi di comunicazione erano molto modesti, la leggenda è riuscita a diffondersi, di persona in persona, e se ancora oggi vai nei dintorni di quella villa, tutti la conoscono e te la raccontano … e nessuno, in realtà, se la sentirebbe di dormire una notte in quella villa.

I fantasmi? Non è vero, ma ci credo …

Pensa al buon Landini della CGIL. Da sempre gli scioperi generali in Italia sono di venerdì. Non ne aveva molti a disposizione e doveva evitare quello precedente al Natale, in troppi non sarebbero stati d’accordo. Così, gli era rimasto il venerdì 17 … e allora lo sciopero si fa di giovedì, questa volta 

Il venerdì 17 porta sfortuna? Non è vero, ma ci credo …

Una parte dell’analisi tecnica, e non voglio approfondire più di tanto per non tirarmi addosso i fulmini di qualcuno o di troppi, è basata su leggende non verificabili … o troppo difficili da verificare. E anche lì, non è vero, ma ci credo …

Sto arrivando al nocciolo del problema.

Molte nostre preoccupazioni, ansie, credenze sono generate dalla nostra mente. Cioè, non esistono nella realtà.

Quando la stampa finanziaria cerca di riempire i contenuti analizzando quello che dirà la FED stasera alle 20, fa qualcosa di simile.

Crea qualcosa che non c’è, perché puoi dire quello che vuoi, fare le analisi che vuoi, ma quello che dirà la FED lo saprai solo alle 20.31 e non prima …

Sulla CNBC Americana di ieri, c’era un titolo di questo tipo:
“Ci aspettiamo che la FED faccia il grande passo verso il primo aumento dei tassi.”

Chi se lo aspetta? E come fa a sapere che avverrà oggi?

Così, se applichi tutto questo alla legge dei mercati, ai “mercati che anticipano”, ti accorgi, in realtà, che i mercati sono guidati da un’anima collettiva, come tutti i sistemi complessi, che si comporta esattamente in questo modo: non è vero, ma ci credo.

Hai mai sentito dire che i mercati non vogliono l’incertezza?
Ecco perché: perché non è vero, non è detto che sia vero, ma ci credo …

I mercati anticipano ciò che non c’è e non è detto che ci sarà, o che mai esisterà.

Alle volte, ovviamente ci sarà …

perfino passando nei pressi della villa di De Vecchi, alle volte, si ode un suono di pianoforte … probabilmente è un maestro di musica, nei dintorni, che suona una melodia … O sarà il fantasma della villa? Non è vero, ma ci credo …

E se vuoi avere successo sui mercati, la formula è capire che cosa non è vero tanto da farlo credere ai mercati … pensa al Covid, meno 37% sull’S&P500 in un mese … il Covid c’è, esiste, è vero, non ci sono dubbi … bastava credere che devastasse l’economia reale del 37% in un solo mese … non poteva essere vero. Ma ci hanno creduto tutti … se eri short hai guadagnato davvero tanto.

Da un mese e mezzo circa i mercati sono estremamente complessi da interpretare.

In realtà, sono terrorizzati da ciò che non c’è, il rialzo dei tassi, almeno fino a stasera alle 20.31 non c’è, e incoraggiati ad agire ora non da ciò che c’è, la liquidità abbondante, ma dalla fretta e furia di agire prima che essa venga meno …. Così due fenomeni che non si sono ancora materializzati governano i mercati attuali. Non è vero, ma ci credo.

E che tutto questo dia origine ad un risultato difficile da interpretare … è il minimo che possa accadere, no?

Noi crediamo nei sistemi di trading per questa ragione. Perché non interpretiamo o se lo facciamo, non serve per definire il modello di trading, ma per ipotizzare scenari.

È il sistema con la sua probabilità statistica a governare il nostro modo di agire … non riteniamo possa esserci un altro modo di battere i mercati.

In un imperdibile webinar in multi-edizione ti presentiamo il nostro WeekAndOption, sistema di trading in opzioni, con un brillante track record dal 2014 …

Facciamo trading sulle settimanali dell’S&P500 e 40 volte su 52 abbiamo un ottimo profitto da mettere in cassa.

E le rimanenti 12 volte la perdita non ci azzera gli utili, che è quello che più conta, e ci lascia un buon margine di soddisfazione e di guadagno.

Ti descriviamo il metodo, l’impostazione della strategia, gli interventi da fare quando necessario … condividi con noi, clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: Lo so. Si arrabbieranno in tanti. Mi aspetto pomodori e uova marce, spero soltanto in digitale, e anche accuse di ubriachezza molesta. Cercare di sradicare le credenze consolidate provoca questo.

Se non sei d’accordo con me, non importa: il webinar che ti propongo mette veramente d’accordo chi crede nei sistemi di trading, anche se sei fra quelli che dicono che non è vero e NON ci credi … clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Ora c’è www.segnalidiborsa.com , la tua WebinarTV 24 ore, 365 giorni l’anno. È gratis, c’è sempre, quando tu lo vuoi e ti informa con un canale telegram di ogni nostro webinar che viene annunciato o pubblicato.

Hai quattro webinar contemporanei costantemente in onda, puoi scegliere i webinar in archivio per argomento, o ascoltare i nostri interventi dove siamo ospiti di altri.

Iscriviti al canale, sarai sempre sintonizzato con noi:

è un portale dell’Istituto Svizzero della borsa

Maurizio Monti
Editore 
Istituto Svizzero della Borsa