Overnight Trading: lo dice il New York Times

Sotto la superficie non si vede, ma c’è  Il 2 febbraio 2018, il New York Times pubblicava un articolo che rivelava al grande Pubblico una verità che gli operatori professionali conoscono bene: i mercati azionari scendono di giorno e salgono di notte. L’articolo dimostra come semplicemente seguendo l’equity diurna e notturna dei mercati, gli investitori dal 1993 ad oggi abbiano perso soldi di giorno e guadagnato di notte. So che è difficile da credere, ma i numeri ci dicono questo. “The big profit have come after hours”, i profitti migliori provengono dopo le normali ore di contrattazione, dice il New York Times

Personalmente, avevo constatato tale realtà parecchi anni or sono. I computer aiutano a fare queste valutazioni con relativa semplicità. Non solo, ho esaminato molti sistemi di trading che utilizzano l’overnight come forza di traino di una equity profittevole. Voglio illustrartene uno. Fa parte ancora, dopo molti anni, del mio personale arsenale di sistemi automatici di trading, ma ha il grande pregio di poter essere replicato manualmente con grande facilità, tanto da rendere quasi superflua l’applicazione automatica. Anzi, applicandolo manualmente, il suo fascino di trarre profitti dalla notte, aumenta.

Perché lo vivi molto più da vicino che con un freddo sistema computerizzato automatico. È un sistema semplice da seguire. Dal 2015 gode di un apprezzamento internazionale ufficiale, come è stato spiegato nel Traders’ Webinar di martedì 23 luglio scorso. 

Clicca qui per vedere la registrazione. 

Maurizio Monti

EditoreTraders’ Magazine Italia 

 P.S.: scoprire la realtà è il segreto per battere i mercati. La realtà non è quella che appare, ma quella che scopri giorno per giorno, arricchendo la tua Cultura finanziaria.