Sogno di una notte di primavera

Pubblicato il: 27/05/24 11:33 PM

Umiliato dalla Conoscenza.

In un’antica civiltà, nota per la sua saggezza e cultura, vivevano Diotina e Ulrich.

Diotina era una nota filosofa, rinomata per la sua intuizione e la sua capacità di porre domande che rivelavano le profondità dell’animo umano.

Ulrich, invece, era un giovane studioso, desideroso di imparare e desideroso di trovare il suo posto nel mondo. Sebbene il loro rapporto fosse quello di maestra e apprendista, condividevano anche una profonda amicizia basata sul rispetto e sull’ammirazione reciproci.

Un giorno, passeggiando per i giardini di un palazzo intellettuale, circondato da statue di antichi pensatori e fontane mormoranti del flusso della conoscenza, Diotina decise di porre una domanda fondamentale.

Guardando Ulrich con occhi pieni di curiosità e sfida, chiese: “Cosa faresti se fossi il sovrano del mondo?”

Ulrich, noto per la sua prospettiva acuta ma spesso cinica, rimase momentaneamente sorpreso dalla portata della questione.

Conosceva bene i meccanismi del potere e della politica, ma questa domanda gli imponeva di andare oltre il suo solito scetticismo per trascendere verso una sorta di utopia personale.

Dopo un breve silenzio, Ulrich rispose con una voce che denotava riflessione e incertezza allo stesso tempo: “Se fossi il sovrano del mondo, Diotina, cercherei di creare un consiglio di uomini saggi di tutte le culture e discipline. Questo consiglio mi aiuterebbe a prendere decisioni che non siano solo giuste, ma anche equilibrate e sostenibili. La diversità di prospettive sarebbe essenziale per evitare i pregiudizi e la corruzione del potere assoluto”.

Diotina annuì, i suoi occhi brillavano di approvazione e incoraggiamento. “Vai avanti, Ulrich. Che altro faresti?”

Ulrich, incoraggiato dall’accettazione di Diotina, continuò: “Abolirei le guerre e i conflitti armati.

Gran parte della sofferenza umana deriva dalla violenza e dall’aggressione. Promuoverei invece il dialogo e la negoziazione come mezzo per risolvere le controversie. Incoraggerei una cultura di pace, dove comprensione ed empatia sono i cardini.”

Diotina sorrise, ammirando la nobiltà dietro le parole di Ulrich. Tuttavia, sapeva che la vera prova della sua visione risiedeva nella sua attuazione.

“E cosa faresti riguardo alla povertà e alla disuguaglianza?”

Ulrich fece un respiro profondo prima di continuare.

“Lavorerei instancabilmente per sradicare la povertà e ridurre le disuguaglianze. Implementerei politiche che garantiscano che tutti gli esseri umani abbiano accesso ai bisogni primari: cibo, acqua pulita, istruzione e assistenza sanitaria. In un mondo in cui esiste l’abbondanza, sarebbe imperdonabile permettere che qualcuno soffra per mancanza di risorse.”

Diotina lo osservava con un misto di orgoglio e sfida, riconoscendo sia la sincerità che l’idealismo della sua visione.

“Ma Ulrich, come affronteresti la questione dell’ambiente?”

Senza esitazione, Ulrich rispose: “Attuerei misure per proteggere il nostro pianeta. Ridurrei l’inquinamento e combatterei il cambiamento climatico promuovendo l’uso delle energie rinnovabili. Educherei le generazioni future sull’importanza di vivere in armonia con la natura, assicurandomi di far capire che la nostra sopravvivenza dipende dalla salute del nostro ambiente.”

Cominciava a calare la notte e le stelle cominciavano a brillare nel cielo.

Diotina, osservando le prime luci del crepuscolo, pose un’ultima domanda: “Cosa faresti per quanto riguarda l’istruzione e la cultura?”

Ulrich sorrise, grato per la domanda. “Garantirei che l’istruzione sia accessibile a tutti, indipendentemente dal  background o dalla situazione economica. Incoraggerei un’istruzione completa che non si concentri solo sulla conoscenza tecnica, ma anche sullo sviluppo del carattere, sull’empatia e sul pensiero critico. Inoltre, valorizzerei e preserverei le culture e le tradizioni di tutti i popoli, riconoscendo la ricchezza che la diversità apporta alla nostra umanità.”

Diotina annuì, soddisfatta delle risposte di Ulrich.

Lo aveva visto diventare non solo uno studente, ma un potenziale leader la cui visione era profondamente radicata nei principi di giustizia, compassione e saggezza.

“Hai risposto bene, Ulrich”, disse infine.

“Ma ricorda, avere potere non significa solo imporre la propria volontà, ma servire gli altri con umiltà e dedizione. La vera leadership non si misura dalla grandezza delle parole, ma dalla grandezza delle azioni.”

Con queste parole Diotina e Ulrich continuarono il loro cammino, allungando le loro ombre al chiaro di luna.

Ulrich, ispirato dalla conversazione, si ripromise di lavorare instancabilmente per quegli ideali, non avendo bisogno di essere il sovrano del mondo, ma piuttosto essendo un leader nel proprio cammino e nella propria comunità.

Come la leadership, il trading non significa solo fare mosse audaci o avere un momento di successo.

Il trading è apprendimento continuo, essere sempre consapevoli delle fluttuazioni del mercato, studiare nuove strategie e adattarsi alle mutevoli condizioni.

Devi essere il leader del tuo percorso, devi rimanere informato, essere umiliato dalla conoscenza e cercare saggezza in ogni transazione.

E’ solo il racconto di un sogno di primavera …

ma è un sogno bello da vivere e volevamo condividerlo con te.

Sul nostro canale webinar non parliamo di sogni, ma di una solida strategia di trading in opzioni: va in onda Stellar, più che mai il sistema di trading che è di per sé Vera Conoscenza delle opzioni.

Perché se conosci le opzioni, conosci il mercato. Clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

P.S.: La storia di Diotina e Ulrich non è solo un dialogo sul potere e sulla responsabilità, ma una lezione sull’importanza dell’apprendimento costante, nella vita, nella leadership o nel trading.

La grandezza non si misura con il successo momentaneo, ma con l’impegno continuo verso la conoscenza e il miglioramento.

Sentiti Umiliato dalla Conoscenza: è un concetto fantastico, unico, inchinati davanti alla Conoscenza.

Condividi con noi un’ora di grande cultura finanziaria: clicca per iscriverti e vedi la registrazione.

Il 21 giugno prossimo ritorna Opzionaria Friendly Tour nel suo format di una giornata intera di grande Cultura delle opzioni nell’Aula d’Onore della SAA, all’Università di Torino.

Nella seconda Master Edition passeremo insieme una fantastica giornata a mercati aperti, nel giorno della scadenza tecnica trimestrale: analizzeremo la Mappa del Mercato, man mano che si forma nel corso della giornata, esamineremo strategie operative da mettere a mercato, valuteremo il timing corretto, metteremo sotto la lente la volatilità della giornata, e le prospettive per i giorni e le settimane successive.

Vedremo la stagionalità, l’analisi grafica, i volumi, gli open interest, gli indicatori, gli algoritmi di prezzo e tempo, i diversi modelli di costruzione delle strategie operative: saranno sette ore di grande Cultura, in cui condivideremo la Conoscenza e la Passione per i mercati.

Qui sotto, trovi il link per iscriverti: per favore, iscriviti solo se hai reale intenzione di venire in sala il 21 giugno, l’evento è gratuito, la registrazione sarà resa disponibile gratuitamente solo ai partecipanti all’evento.

Maurizio Monti

Editore

Istituto Svizzero della Borsa